Corsi Autofinianziati

Corsi Autofinianziati

OPERATORE/OPERATRICE PER LE ATTIVITÀ DI ASSISTENZA FAMILIARE ALL'INFANZIA

Settore di intervento: servizi socio sanitari

Durata: 900 ore (di cui 520 di lezioni teorico – pratiche e 380 ore di stage)

Requisiti d’accesso: conseguimento dell'obbligo scolastico e aver compiuto 18 anni di età

DESCRIZIONE: Si tratta di una professionalità che svolge attività di livello base di cura e assistenza a domicilio di bambini, soddisfacendone i bisogni primari e promuovendone una condizione di benessere e sicurezza.

 

Tipologia Rapporti di lavoro: può operare con rapporto di lavoro dipendente di tipo domestico a tempo pieno o part-time o con le altre tipologie contrattuali previste dalla legislazione vigente per le specifiche mansioni.

Collocazione contrattuale: se il contesto lavorativo è di tipo domestico la collocazione contrattuale è tra il 1° e/o al 2° livello del CCNL dei lavoratori domestici.

Collocazione organizzativa: la figura svolge la propria attività prevalentemente alle dirette dipendenze della famiglia ma può collocarsi in altri contesti lavorativi.

Opportunità sul mercato del lavoro: l'aumento esponenziale delle necessità di conciliazione vita-lavoro all'interno dei nuclei familiari ha reso necessario sviluppare una molteplicità di tipologia di servizi flessibili per la prima infanzia, integrando quelli offerti da strutture e servizi per la infanzia presenti sul territorio.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 - 3487620999

Tel/Fax 0832/731436

Read more

TECNICO DELLA DEFINIZIONE DI STRATEGIE DI MERCATO,

DELLA PIANIFICAZIONE DI AZIONI DI MARKETING E DELLA GESTIONE DI RAPPORTI CON LA CLIENTELA E LE RETI DI VENDITA.

(Ossia Tecnico della commercializzazione dei prodotti agricoli ed agroalimentari)

Settore di Intervento: Agricoltura, zootecnia, silvicoltura e pesca

Durata:                           600 ORE (Di cui 360 teoriche e 240 stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore.

DESCRIZIONE:  Il Tecnico della commercializzazione dei prodotti agricoli ed agroalimentari si occupa di impostare strategie di mercato, pianificare azioni di marketing e gestire rapporti con la clientela e le reti di vendita.

Tipologia Rapporti di lavoro: opera sia come dipendente in imprese di varie dimensioni sia come lavoratore autonomo.

Collocazione contrattuale: può avere diverse collocazioni contrattuali ma la più ricorrente è il contratto relativo al settore commercio.

Collocazione organizzativa: opera nell'organizzazione imprenditoriale a diretto contatto con il vertice dell'impresa. Nelle piccole e medie imprese può coincidere con la figura dell'imprenditore o con il responsabile dell'azienda.

Opportunità sul mercato del lavoro: oltre alle attività consolidate, nuove opportunità vengono offerte grazie alla realizzazione delle filiere corte. Si assiste ad un rapporto più vicino fra produttore e consumatore e ad una accentuata attenzione alla tracciabilità delle filiere dei prodotti in genere. Buone opportunità possono anche essere offerte dai progetti comprensoriali o di area, di tipo pubblico e privato volti a valorizzare le produzioni tipiche e locali.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 - 3487620999

Tel/Fax 0832/731436

Read more

TECNICO DELL’ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO,

DELLA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO, DELLA COMUNICAZIONE AZIENDALE E DEI PIANI RETRIBUTIVI

(Ossia Giurista d’Impresa)

 

Durata:                           600 ORE (Di cui 400 teoriche e 200 stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 23 anni di età. Laureati in discipline giuridiche ed economiche, avvocati, dottori commercialisti, revisori dei conti nonché operatori nelle aree affari generali e societari delle imprese.

DESCRIZIONE: Il Tecnico dell’organizzazione del lavoro, della gestione del cambiamento, della comunicazione aziendale e dei piani retributivi si occupa di progettare, attivare e verificare, sulla base delle esigenze dell'azienda gli interventi che favoriscono lo sviluppo e il miglioramento organizzativo. Le attività principali di questa figura professionale riguardano: l'organizzazione del lavoro e l'ottimizzazione dei flussi produttivi, l'analisi dei processi e la gestione del cambiamento, la gestione della comunicazione aziendale sia interna che esterna e l'implementazione di indagini organizzative volte a rilevare le esigenze interne e ad attivare azioni migliorative.

Tipologie di rapporti di lavoro:

Si tratta di una professionalità che generalmente risulta inserita nell'ambito della struttura aziendale con rapporto di lavoro dipendente. Altre volte il rapporto di lavoro può essere di tipo consulenziale per svolgere processi di analisi e sviluppo organizzativo e può operare come libero professionista per aziende, società di consulenza in area risorse umane o gestionale.

Collocazione contrattuale:

Il livello contrattuale della figura varia a seconda del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro di riferimento per il settore in cui la figura professionale opera. Se il rapporto di lavoro non prevede un inquadramento di tipo dipendente, i contratti prevalenti sono: rapporti di libero professionista con partita IVA, prestazione occasionale o contratto di lavoro a progetto.

Collocazione organizzativa:

La figura può operare all'interno dell'area delle risorse umane o amministrativa in aziende ed organizzazioni di dimensioni medio- grandi in qualsiasi settore economico- produttivo. Intrattiene abitualmente relazioni con diverse figure professionali sia interne (ad esempio la funzione della produzione, amministrazione, direzione generale) che esterne all'organizzazione come società di consulenza.

Opportunità sul mercato del lavoro:

La figura assume oggi un'importanza crescente anche presso imprese di medie e piccole dimensioni, o anche nel settore pubblico. È dunque una professione caratterizzata da buone prospettive di occupabilità. Le attività di analisi e implemento dei processi produttivi e organizzativi sono infatti tuttora considerate strategiche dalle imprese, ai fini del mantenimento o del miglioramento della propria posizione competitiva in quanto da essa fanno dipendere le scelte connesse al tipo di sistema organizzativo, alla classificazione del personale e al sistema retributivo.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 – 3487620999                                   Tel/Fax 0832/731436

Read more
23 Settembre 2015 Published in Corsi Autofinianziati Written by

CALZOLAIO

CALZOLAIO

(ossia Tecnico delle attività di realizzazione e riparazione di scarpe)

Settore di Intervento: TESSILE, ABBIGLIAMENTO, CALZATURE E PELLI

Durata:                           600 ORE (Di cui 310 pratico-teoriche e 290 stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore.

DESCRIZIONE: E' in grado di realizzare scarpe su misura o procedere alla loro riparazione sostituendo pezzi consumati o rovinati. Opera in completa autonomia di esercizio delle funzioni (taglio, aggiunteria, montaggio e rifinitura) e prevalentemente a mano e su misura. Gli strumenti ed i materiali utilizzati per questa attività sono: chiodi, colle, mastici, macchine ed arnesi per tagliare cucire e scarnire la pelle, pulitrici a braccio, cere per lucidare e colorare, mole per suole, fresa e presse.

Tipologia Rapporti di lavoro: l'attività in genere viene svolta come titolare di negozio artigiano(lavoratore autonomo).

Collocazione contrattuale: è in genere un lavoratore autonomo artigiano ed in qualche caso collaboratore o dipendente al quale viene applicato il Contratto Nazionale Tessili Abbigliamento Calzature dell'Artigianato ed eventuali integrazioni regionali. Superato il periodo di tirocinio o apprendistato il calzolaio viene inquadrato come operaio specializzato ai massimi livelli operai previsti dal C.C.N.L. (4°Livello).

Collocazione organizzativa: la sua attività si svolge in negozi di calzolaio che negli ultimi anni trovano spesso collocazione nei centri commerciali, dove si configura come un servizio aggiuntivo alla clientela. Come lavoratore autonomo opera a contatto diretto con la clientela e solo nel caso in cui lavori da dipendente è subordinato al maestro calzolaio. In generale si attiene agli indirizzi operativi e tecnici forniti dalle associazioni di categoria artigiane per regolare il propio rapporto con la clientela in merito agli orari di lavoro e di apertura al pubblico e rispetto e disciplinari normativi.

Opportunità sul mercato del lavoro: le botteghe dove viene esercitata la professione hanno visto negli ultimi decenni un forte ridimensionamento dovuto alle produzioni in serie industriali. La figura, essendo in grado di svolgere tutte le fasi di produzione della calzatura, è molto ricercata nelle aziende industriali proprio per la completezza delle sue capacità professionali.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 - 3487620999

Tel/Fax 0832/731436

Read more
23 Settembre 2015 Published in Corsi Autofinianziati Written by

DIRETTORE DI PRODUZIONE

DIRETTORE DI PRODUZIONE

(ossia Responsabile dell’organizzazione e del coordinamento della produzione artistica)

Settore di Intervento: SPETTACOLO

Durata:                           300 ORE (Di cui 160 teoriche e 140 stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore. In mancanza del titolo di studio, almeno cinque anni di esperienza lavorativa nell’attività professionale di riferimento.

DESCRIZIONE: E' una figura di tipo tecnico-manageriale: ha il compito di coordinare il lavoro che consente la realizzazione di una produzione artistica. Sia nel caso di una produzione cinematografica o televisiva, di uno spettacolo teatrale, di uno spot pubblicitario o di un grande evento, gli spetta la responsabilità di organizzare e coordinare le attività tecniche e logistiche in funzione delle scadenze prefissate e dei limiti di budget, tenendo conto di vincoli e di criticità contingenti. Garantisce la realizzazione della produzione, mediando tra esigenze artistiche, tecniche e finanziarie. Per far questo deve possedere grandi doti organizzative e relazionali.

Tipologia Rapporti di lavoro: come altre figure tecnico manageriali, possono essere liberi professionisti con regolare partita IVA, assunti a incarico professionale dalle società di produzione, soprattutto in ambito cinematografico. In ambito televisivo è più frequente l'assunzione per mezzo di contratti da lavoratore dipendente, anche a tempo indeterminato.

Collocazione contrattuale: la figura, in ambito televisivo, è inquadrata come subordinato rispetto a dirigenti e funzionari. Si tratta in genere di un quadro intermedio le cui responsabilità sono proporzionali all'importanza e alle dimensioni della produzione da dirigere. Se inquadrato col CCNL RAI del '90, è collocato nella prima di undici classi, come quadro A o B. Se assunto col CCNL degli addetti alle troupes per la produzione di filmati, film e fiction, del 7 dicembre 1999 è collocato al settimo livello. Se dipendente dell'industria cineaudiovisiva col CCNL del 2000, è tra i quadri al settimo livello. Se fa parte dei lavoratori delle imprese radiofoniche e televisive in ambito locale, con il CCNL stipulato il 27 aprile 2005 può essere inquadrato come quadro A.

Collocazione organizzativa: nel mondo cinematografico è colui che concilia le esigenze del regista (vedi Responsabile della regia teatrale, cinematografica, televisiva), del produttore e della parte tecnico-logistica che da lui dipende. Risponde direttamente al produttore sui risultati e l'efficienza della parte tecnico-organizzativa. Nelle sue funzioni è assistito dagli ispettori di produzione che si occupano dei compiti amministrativi e logistici. Nel mondo televisivo è subordinato alle direttive dei dirigenti e dei funzionari che gli sono gerarchicamente sovraordinati. Alle sue dipendenze lavorano i tecnici di studio e i tecnici di riprese esterne, e tra questi: gli assistenti alla regia, gli ispettori di studio e gli operatori di ripresa. Sempre in ambito televisivo si rapporta al produttore esecutivo di rete che sovrintende alla parte creativa e artistica.

Opportunità sul mercato del lavoro: i canali di accesso al lavoro in ambito cinematografico sono generalmente quelli della cooptazione diretta attraverso reti di contatto personali. Gli spazi occupazionali risentono dell'andamento della produzione nazionale che, in ambito cinematografico, presenta segnali di ripresa (aumento delle produzioni nazionali e buon andamento della fiction). In ambito televisivo la crescita costante dell'offerta (via cavo, satellitare, canali digitali monotematici) ha garantito una buona crescita occupazionale. In particolare la figura è in forte espansione, come altre professionalità di tipo tecnico con elevate responsabilità ed un'ampia autonomia professionale.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 - 3487620999

Tel/Fax 0832/731436

 

Read more
23 Settembre 2015 Published in Corsi Autofinianziati Written by

ADDETTO/ADDETTA ALLA SEGRETERIA

ADDETTO/ADDETTA ALLA SEGRETERIA

(ossia operatore/operatrice per l’organizzazione e gestione delle attività di Segreteria, l’accoglienza e le informazioni)

Settore di Intervento: AMMINISTRAZIONE E GESTIONE

Durata:                           900 ORE (Di cui 500 teoriche e 400 stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore. In mancanza del titolo di studio, almeno tre anni di esperienza lavorativa nell’attività professionale di riferimento.

DESCRIZIONE: Organizza e gestisce l’accoglienza, i flussi informativi in entrata ed in uscita, la registrazione, la protocollazione e l’archiviazione dei documenti, la redazione di testi e l’organizzazione di riunioni e trasferte.

Tipologia Rapporti di lavoro: si tratta normalmente di un rapporto di lavoro dipendente.

Collocazione contrattuale: il livello contrattuale della figura varia a seconda del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro di riferimento per il settore in cui la figura professionale opera.

Collocazione organizzativa: si tratta di una professionalità che è presente in buona parte delle organizzazioni private o pubbliche, di piccole o di grandi dimensioni, e può avere diversi livelli di autonomia, responsabilità e qualificazione in contesti diversi: da addetto front office o addetto battitura testi o centralinista o addetto protocollo fino a segretaria di direzione o responsabile di segreteria.

Opportunità sul mercato del lavoro: le prospettive occupazionali e le possibilità di carriera orizzontali e verticali dipendono dalle condizioni del mercato del lavoro locale relative al settore di riferimento della figura professionale. Si sottolinea comunque che, proprio per il carattere di trasversalità che la caratterizza, la figura professionale presenta buone opportunità di trasferibilità da un settore economico ad un altro.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 - 3487620999

Tel/Fax 0832/731436

Read more

 TECNICO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA’ DEL PERSONALE 

Durata:                           600 ORE (Di cui 350 teoriche e 250 stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore.

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore. In mancanza del titolo di studio, almeno tre anni di esperienza lavorativa nell’attività professionale di riferimento.

DESCRIZIONE: Il Tecnico di Amministrazione e Contabilità del personale predispone e assicura la documentazione richiesta dalle norme e dalle leggi che regolano il rapporto di lavoro, impostando e gestendo le attività connesse alle retribuzioni, alla produzione della documentazione in tema fiscale, assicurativo e contributivo.

Tipologia Rapporti di lavoro: generalmente è un lavoratore con rapporto di lavoro dipendente.

Collocazione contrattuale: il livello contrattuale della figura varia a seconda del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro di riferimento per il settore in cui la figura professionale opera.

Collocazione organizzativa: opera come impiegato nell'ambito di uffici del personale di aziende di medie e grandi dimensioni, di associazioni di categoria, presso studi professionali di consulenza del lavoro. Nelle imprese di maggiori dimensioni, con un organico numeroso, esiste un ufficio apposito di contabilità del personale, composto di più addetti e diretto da un coordinatore. Nelle piccole aziende la funzione può essere svolta da un'unica figura del settore amministrativo che si occupa sia di contabilità del personale sia di altri aspetti dell'amministrazione; oppure, nelle imprese con pochi addetti, il ruolo può essere affidato ad un consulente esterno.

Opportunità sul mercato del lavoro: eventuali sviluppi professionali della figura in oggetto si possono verificare (come crescita professionale e di carriera) nell'accesso, attraverso l'esperienza di lavoro o per successive specializzazioni, a procedure più complesse o a ruoli che richiedano un maggior grado di autonomia e di gestione delle varianze, all'interno dell'Ufficio Personale stesso e presso professionisti, consulenti del lavoro e associazioni di categoria.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 - 3487620999

Tel/Fax 0832/731436

Read more

TECNICO DELLA PROGETTAZIONE, DEFINIZIONE E PROMOZIONE DI PIANI DI SVILUPPO TURISTICO E PROMOZIONE DEL TERRITORIO

(ossia Tecnico di marketing turistico per la promozione del territorio)

Settori di intervento: turismo alberghiero e ristorazione

Durata: 600 ore (di cui 350 pratico – teoriche e 250 di Stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore.

DESCRIZIONE: Opera nel settore delle attività di servizi alle imprese connesse al marketing turistico e alla promozione del territorio. Gestisce le fasi operative dell'attività, analizza il mercato, raccoglie dati, interroga banche dati, elabora statistiche per il mercato, ricerca e valuta preventivi relativi ai servizi turistici, progetta piani di sviluppo e promozione locale - fasi, queste, indispensabili per lavorare allo sviluppo e alla promozione turistica del territorio.

Tipologia Rapporti di lavoro: Dipendente di strutture o libero professionista.

Collocazione contrattuale: Se inserito come dipendente la figura può rientrare nel CCNL del turismo al livello TERZO (promotore commerciale addetto allo sviluppo ed alla illustrazione dell'attività di agenzia, di provata esperienza tecnica e con conoscenza di almeno 2 lingue straniere).

Collocazione organizzativa: All'interno delle strutture nelle quali questa figura è inserita opera con un buon livello di autonomia in particolare per quanto concerne la progettazione di itinerari turistici integrati, l'organizzazione di eventi, la promozione moderna ed innovativa di itinerari e località turistiche, la commercializzazione turistica e l'animazione locale. Necessario un livello di condivisione con la committenza o gli eventuali superiori/datori di lavoro.

Opportunità sul mercato del lavoro: Generalmente opera all'interno di aziende operanti nel settore turistico, uffici culturali e turistici della Pubblica Amministrazione, aziende di promozione turistica, Tour operator, organizzazioni turistico-alberghiere, in particolare nell'ufficio marketing e comunicazione, oppure come libero professionista (consulente agenzie, privati o istituzioni pubbliche). La realtà economica ha imposto sempre di più alle PMI del settore turistico di affrontare la competitività del mercato offrendo servizi sempre più orientati alla qualità. Questa figura professionale rispondendo pienamente ai nuovi modelli organizzativi agili ed efficienti, ispirati a criteri di razionalità e flessibilità d'impiego delle risorse umane, fa sì che il suo impiego sia sempre maggiormente richiesto, rendendo buone le prospettive occupazionali. Lo sviluppo dell'intermediazione turistica, infatti, dipende soprattutto dalla qualità, dalla responsabilità, dalla competenza e adattabilità delle risorse umane.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 -  3487620999                            Tel/Fax 0832/731436

Read more
20 Luglio 2015 Published in Corsi Autofinianziati Written by

TECNICO DEL CASTING

TECNICO DEL CASTING

(ossia Responsabile DI Direzione e coordinamento del funzionamento di strutture sportive e centri benessere)

Settore di Intervento: SPETTACOLO

Durata:                           600 ORE (Di cui 350 teoriche e 250 stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore.

DESCRIZIONE: Questa figura (dal verbo to cast, che significa distribuire, riferito alle parti degli attori) si occupa di ricercare e selezionare tutti gli attori, i generici e le comparse, indispensabili alla produzione di uno spettacolo teatrale, uno show televisivo, uno spot pubblicitario, un film o un servizio fotografico (cast di secondo livello). Nella scelta degli attori principali questa figura ha un ruolo di secondo piano, lavorando a fianco del regista, che di solito sceglie i protagonisti e i caratteristi in prima persona o con la collaborazione degli assistenti. Il suo lavoro spesso prosegue dopo la selezione dei personaggi. Egli è infatti colui che in qualche modo accompagna i generici e le comparse sul set o in scena e che risponde della loro professionalità e serietà durante la lavorazione.

Tipologia Rapporti di lavoro: soltanto grandi Enti teatrali o società di produzione cinematografica hanno internamente servizi di casting autonomamente organizzati, con personale stabile e inquadrato a livello di quadro intermedio. Più di frequente le case di produzione fanno ricorso ai servizi di agenzie specializzate di livello nazionale che garantiscono tempi molto accelerati per la selezione degli attori. In questo caso questa figura è un libero professionista che agisce in proprio, per mezzo di agenzie specializzate o in società con altri colleghi.

Collocazione contrattuale: la figura tende ad essere inquadrata come lavoratore autonomo. Di solito è socio o collaboratore di un'agenzia specializzata o è un professionista con uno studio personale. Nella pubblicità è più frequentemente titolare o collaboratore dell'agenzia alla quale la produzione commissiona di volta in volta la ricerca del cast per uno spot. Anche in ambito teatrale la figura è raramente inquadrata come dipendente o collaboratore. Non si rilevano accordi sindacali di riferimento.

Collocazione organizzativa: nella grande produzione cinematografica, teatrale e televisiva lavora per la produzione ed è solitamente un membro dello staff con la funzione prevalente di supportare, affiancare e assistere il regista (vedi Responsabile della regia teatrale, cinematografica, televisiva) nella selezione di attori e comparse. Nelle grandi produzioni teatrali, nell'opera o nel musical può essere dipendente o collaboratore di una struttura o un professionista freelance. Nel mondo della pubblicità è più spesso un agente o il titolare di un'agenzia alla quale la produzione si affida per il casting di ogni singolo spot. La figura presenta forti elementi di trasversalità nel mondo dello spettacolo dal momento che il lavoro svolto è sostanzialmente analogo nei diversi ambiti, tuttavia, nel percorso professionale tende a settorializzarsi sulla base delle esperienze e delle conoscenze interpersonali acquisite.

Opportunità sul mercato del lavoro: chi vuole fare casting dovrebbe innanzi tutto avvicinarsi territorialmente ad un centro di produzione cinematografico o televisivo di dimensioni considerevoli, che esprimano la domanda di tali servizi. Per fare esperienza si dovrebbe cominciare come assistente di un professionista per apprendere la pratica professionale ed introdursi nel circuito lavorativo. Una volta raggiunta una buona autonomia e padronanza è possibile organizzarsi in proprio, per costruirsi una rete di contatti e di collaborazioni a partire dalle scuole di recitazione, dai centri di produzione.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 - 3487620999

Tel/Fax 0832/731436

Read more

RESPONSABILE DI IMPIANTO SPORTIVO-CENTRO BENESSERE

(ossia Responsabile DI Direzione e coordinamento del funzionamento di strutture sportive e centri benessere)

 

Settore di Intervento: SPORT, BENESSERE E CURA DELLA PERSONA

Durata:                           300 ORE (Di cui 200 teoriche e 100 stage)

Requisiti d’accesso: Aver compiuto 18 anni di età ed aver conseguito titolo di istruzione secondaria superiore.

DESCRIZIONE: Il Responsabile di Impianto sportivo – Centro benessere dirige e coordina il funzionamento della struttura in modo da garantirne l'efficienza organizzativa ed assicurare il buon andamento del servizio: sovrintende la gestione amministrativa, l'organizzazione del lavoro ed il coordinamento del personale, la manutenzione dei locali e l'efficacia delle attività proposte e dei servizi.

Tipologia Rapporti di lavoro: è il titolare dell'impianto, cioè il proprietario, salvo che la gestione venga affidata ad altro soggetto in base ad un titolo giuridico. L'incarico di direttore generale, se affidato da ente pubblico, è conferito a tempo determinato ed è disciplinato con contratto individuale, che fissa, altresì, il relativo trattamento economico nel rispetto dei criteri stabiliti dalla Giunta regionale con apposita direttiva.

Collocazione contrattuale: a tutto il personale dipendente delle società ed associazioni sportive si applica il contratto collettivo di lavoro per i dipendenti dalle imprese ed enti di gestione di impianti sportivi, sottoscritto dalla confcommercio e dalle tre maggiori centrali sindacali, CGIL, CISL e UIL. Ha una la collocazione contrattuale di I° livello: lavoratori con funzioni ad alto contenuto professionale anche con responsabilità di direzione esecutiva.

Collocazione organizzativa: è responsabile dell'insieme delle attività che assicurano il funzionamento di un impianto sportivo/centro benessere e dell'erogazione del servizio all'utenza. Presiede inoltre, il più alto livello gerarchico della struttura, all'interno della quale si relaziona con tutti gli addetti e collaboratori. Verso l'esterno si occupa delle relazioni con Federazioni, Leghe, Associazioni e Società sportive, Imprese produttrici di beni e servizi per lo sport (impianti, ecc.), Aziende sponsor media a contenuto sportivo, Enti pubblici territoriali, attività ed eventi turistico-sportivi.

Opportunità sul mercato del lavoro: le cure estetiche, le palestre, le innumerevoli tecniche di fitness oggi praticate, le beauty farm sono frequentate da un numero crescente di italiani, generando in Italia una vasta area di business, in fase di ulteriore espansione ed in grado di dare luogo ad elevati livelli di fatturato. Aumentano, infatti, le spese per le cure estetiche, per la frequenza di palestre, per l'alimentazione biologica, per le cure termali e per i soggiorni nelle beauty farm. Alla crescente attenzione prestata dagli italiani al benessere corporeo sono corrisposti rilevanti investimenti individuali (in denaro e tempo) in attività ad esso specificatamente rivolte. Il mercato del fitness e del wellness si presenta peraltro fortemente articolato, con la presenza di almeno nove segmenti diversi, che spaziano dalla cosmesi applicata alle palestre, dal termalismo, fino a forme più soft di ricerca del benessere psico-fisico, come i parchi divertimento o l'agriturismo. Negli ultimi anni l'evoluzione della pratica sportiva in Italia (Osservatòri statistici per lo Sport - 18.3.05) mostra una confortante ripresa complessiva, superando lo sbalzo negativo registrato nel 2001, come numero dei praticanti tesserati alle Federazioni e alle Discipline Associate. Per quanto riguarda la pratica in senso più ampio, in attesa dell'indagine speciale Istat 2005, la Nielsen (indagine Assosport 2004) ha segnalato le tendenze attribuite ad un'area di circa venti milioni di cittadini attivi. La Figura potrà mettere a frutto le proprie competenze professionali in una vasta gamma di ambiti organizzativi, aziendali e istituzionali, che in molti casi appaiono attualmente in rapida espansione: federazioni, leghe, associazioni e società sportive; società di gestione di impianti e centri sportivi; società di consulenza operanti in campo sportivo; associazioni territoriali o settoriali di impresa; imprese di servizi turistico-sportivi; enti pubblici.

IL CORSO VERRÀ ATTIVATO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO DI PARTECIPANTI

Per informazioni ed iscrizioni ai corsi rivolgersi ai seguenti numeri:

Cell. 3928321679 - 3487620999

Tel/Fax 0832/731436

Read more